Lettera Zero

Lettera Zero (copertina)

Non senza una punta di orgoglio annunciamo l’uscita del numero quattro di «Lettera Zero», quadrimestrale di Scrittori, libri e dissonanze, edita dalla casa editrice Arcoiris. Questa rivista, cui collaborano prestigiosi studiosi provenienti da tutte le parti d’Italia e d’Europa, intende essere un laboratorio di idee letterarie, in cui è stretto il legame tra passato contemporaneo e scritture recentissime, col fine di creare un andirivieni tra aggiornamento e riflessione, che si muove fra autori, generi letterari, autoritratti, interviste e contributi critici. In altre parole, la rivista si propone come uno spazio in cui non si perde mai la domanda di fondo sulla letteratura in rapporto a una contemporaneità che la marginalizza, ma che al tempo stesso ha un estremo bisogno di essere raccontata. Il tutto in nome di una non velleitaria indagine razionale sulla realtà, sulle forme dell’espressione e della critica. Del resto, come ebbe a dire mirabilmente Max Frisch: «Lo scrittore si guarda attorno. Contrapponendo alle frasi fatte un’altra lingua, egli smaschera la lingua del potere alla stregua di lingua del potere, di lingua ingannevole – e in questo vedo già una rilevanza politica della letteratura, di tutta la letteratura, anche se un romanzo o una poesia non affrontano un argomento di carattere sociale».

Il sommario del numero quattro di «Lettera Zero» presenta una lettura de Il cinghiale che uccise Liberty Valance di Giordano Meacci, volta a mostrare il carattere pretestuoso di alcune scelte narrative dominanti nel romanzo italiano contemporaneo, quali «l’affettazione verbosa, lo spettacolo luccicante della parola». Una ampia sezione è dedicata a tre importanti libri che danno voce al male in tutta la sua banalità e immoralità. Si tratta de Il giardino delle mosche di Andrea Tarabbia, Conforme alla gloria di Demetrio Paolin e Teoria delle ombre di Paolo Maurensig. E poi lo studio di alcune tra le più interessanti narrazioni femminili contemporanee, da Memoria di ragazza di Annie Ernaux all’universo narrativo e poetico di Laura Pugno, fino a una lettura appassionata e colta de L’amica geniale di Ferrante. Ancora un esame di Eclissi di Ezio Sinigaglia, seguito da una ampia intervista all’autore, oltre a panoramica, in forma di brevi letture e recensioni, sulle recenti novità editoriali. Per finire, una sezione dedicata allo spettacolo tra cinema e teatro, con il ritratto critico di uno dei più interessanti artisti teatrali contemporanei: Nicola Vicidomini.

Pur nata in un contesto universitario, «Lettera zero» è una rivista totalmente indipendente e non riceve contributi di alcun tipo. E’ in vendita qui

___________________________________________________________________

LETTERA ZERO NUMERO DUE

Direttore responsabile: Vito Santoro

Vicedirettori: Marianna Comitangelo e Antonio R. Daniele

Redazione: Francesca Giglio, Giuseppe Girimonti Greco, Marco Marsigliano, Eloisa Morra, Mara Mundi, Stefania Segatori, Nives Trentini

Hanno collaborato a questo numero: Luca Abbattista, Anna Paola Caccavo, Lucia Cariati, Eleonora Conti, Selene Favuzzi, Daniela Gabriele, Laura Lopez, Marco Marsigliano, Ivana Menna, Fabrizio Natalini, Cecilia Oliva, Armando Rotondi, Nives Trentini.

Progetto grafico e illustrazione: Raffaele Di Somma

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...